Search

Festival Nazionale Della Cultura Sportiva

Tag

festivalnazionaleculturasportiva

Che gusto c’è a fare l’arbitro – storie di sport #9

nicola-rizzoli-arbitro-finale-germania-argentina-2Bologna, 1987, campo della Pescarola, quinta giornata del campionato Allievi. La squadra in cui gioco, la Lame, è sotto 1-0, ma il tempo per rimediare c’è. A partire da adesso, mentre supero in dribbling l’ultimo difensore avversario e mi involo verso la porta. Sto già pensando a dove angolare il tiro quando in un attimo mi ritrovo a terra, falciato alle spalle da un disperato tentativo di recupero. Sollevo la testa e sopra di me c’è l’arbitro. Ha ancora il fischietto in bocca, cadendo non ho sentito niente. “E allora?” urlo. “Allora cosa?” risponde.”Dico, solo una punizione? A momenti mi stacca una gamba! Come fa a essere solo fallo?”. Ho appena sedici anni,  ma in campo la voglia di polemizzare non mi manca. “Esagerato, voleva prendere la palla. Sei stato più veloce a spostarla. La punizione basta.”  “Stai scherzando ? Non sapeva neppure dov’era, la palla. Come fa a non essere almeno ammonizione? Va buttato fuori ! E poi vorrei capire…”  Sto ancora parlando quando mi ritrovo il cartellino giallo in faccia. “Ora basta, alla prossima parola ci vai tu negli spogliatoi.” E così mi prendo il giallo, non posso fare altro. Mi allontano guardando male l’arbitro e mentre lo faccio lui rincara la dose: “Pensa a giocare!” Certo che penso a giocare, il calcio è stato la mia culla, è il mio orizzonte. Mio, dei miei migliori amici Alberto (per tutti Bebo), Andrea, Ciccio, di mio fratello Lele. Sono anni che ci ritroviamo ogni giorno al campetto sotto casa, anche con tre metri di neve, anche con il caldo che toglie il respiro. Bologna è il nostro stadio all’aperto, nel quartiere ci conoscono tutti, organizziamo partite dovunque una palla possa rotolare. “Non sai nulla del regolamento e vuoi dare lezioni…” sentenzia definitivamente l’arbitro. La verità è che gli arbitri vogliono decidere senza dover spiegare quello che fanno. Questo è.…Alzo lo sguardo, lentamente. Davanti ai miei occhi c’è il pallone che nasconde la coppa più ambita. Tra poco rotolerà e verrà preso a calci sul prato verde del Maracanà, inseguito dagli occhi dei settantacinquemila qui presenti e dei miliardi di persone che, in tutto il mondo, guarderanno la partita in tv. Metto a fuoco fino a leggere la piccola scritta impressa al centro della sfera “  13 July 2014 Final, Germany-Argentina,Rio de Janerio, Estàdio do Maracanà”. I giocatori sono alle mie spalle, in fila nel tunnel. Si scambiano sorrisi e saluti, cercano di concentrarsi e caricarsi. Provo la straordinaria sensazione di non essere solo alle prese con ventidue campioni, ma con i Paesi che essi rappresentano. Sposto l’attenzione più avanti di qualche metro: sopra a un piedistallo bianco ecco la Coppa del Mondo. Luminosa, sinuosa, elegante. Tutta d’oro. Rappresenta la storia del calcio moderno; il cuore, le gambe, la testa e il sudore degli atleti che si sono sfidati negli anni; un’opportunità che potrebbe capitare una sola volta nella vita. E questo vale anche per me. “Ho impiegato ventisei anni per essere qua” penso, sospirando profondamente. Questo trofeo,visto da vicino sembra persin piccolo, è ora al centro del mondo. Cattura l’attenzione. Sento il silenzio assordante di questo istante. Finora solo venti arbitri nella storia del calcio hanno avuto la fortuna di provare emozioni del genere, e io sono uno di loro, Cerco di cacciare i pensieri, di godermi il momento. L’adrenalina della finale scorre nelle mie vene.

Che gusto c’è a fare l’arbitro. ( Nicola Rizzoli)

NICOLA RIZZOLI ( Mirandola, 5 ottobre 1971)
Architetto,  ha esordito in serie A  nell’aprile  2002. Nominato per quattro anni consecutivi miglior arbitro italiano (2011,2012,2013 e 2014) e miglior arbitro del mondo nel 2014, ha diretto  oltre 200 partite nella massima serie  e, tra le altre, a livello internazionale, la finale di Europa League nel 2010 (Atletico Madrid-Fulham),  quella di Champions League nel 2013 (Bayern Monaco-Borussia Dortmund) e  quella degli ultimi Mondiali  (Argentina- Germania). Il suo libro,  Che gusto c’è a fare l’arbitro, è una dichiarazione d’amore al gioco del calcio da parte di un protagonista che si riconosce in saldi valori  morali

Advertisements

Luis e Gigì – storie di sport #1

gigi-riva-2
photo courtesy www.wordsinfreedom.com

 

Luigi è un muratore , ha abbandonato presto i banchi della scuola e si  guadagna la vita tra sacchi di cemento, mattoni, polvere . Sembra sempre incazzato , parla solo il dialetto della Ventena. Tutti lo conoscono per Luìs.

I suoi amici sono quelli che trova al bar , dove si parla a voce alta, si ride, si beve, si sfogliano i giornali senza leggerli, si commentano con due parole le immagini della tv.
La sua vita è semplice come può essere quella di un operaio, condannato a sbadilare sabbia, cemento, similmente carbone per  la locomotiva che deve viaggiare sempre più forte. L’altro Luigi ,che tutti conoscono come Gigi, è un campione. Il più ammirato dagli uomini , il più desiderato dalle donne . Sa giocare al calcio con uno slancio, una virilità, una
potenza che lo hanno consacrato quale miglior interprete dei sogni della gente.
Inutile dire che ha un mondo ai suoi piedi, potrebbe chiedere tutto.
Ma la celebrità e la ricchezza non hanno intaccato il suo carattere riservato,  genuino, senza fronzoli. Un giorno la squadra di Gigi viene a Cattolica per giocare una partita amichevole e , tra la folla di sportivi che pullulano all’albergo che la ospita, c’è anche Luìs. Una bevuta ( qui Luìs se la cava bene), e fanno amicizia .
Nei pochi giorni che Gigi alloggia al Linda ,la presenza di Luìs diviene abituale e , con la Dino di Gigi girano, per osterie e tagliatelle. Una brevissima , spontanea amicizia.
Poi si salutano. Luìs resta nel suo semplice mondo.
Gigi ritorna a stupire le grandi folle con i suoi goal entusiasmanti.

Luìs era Astolfi , Quadrilèn . Gigi è Riva, Rombo di Tuono.

[anticipazione dal libro in prossima uscita “Lettera 22 a un calcio che non c’è più.”
vieni a scoprire e conoscere l’autore dal 1° Festival Nazionale della Cultura Sportiva – Cattolica 11-16/07/2016]

La nazionale italiana calcio amputati

2015-99-02!
ph. Ettore Vichi

Guardare oltre alla folla, agli spettacoli grandiosi, ai divi ed ai loro
guadagni milionari, a tutto il mega, a tutte le enfasi, a tutte le esagerazioni,ai milioni di spettatori rabboniti, omologati , mandrie da mungere. Al di là del gigantesco castello di carta, di denaro e di illusioni , un giorno trovi un rettangolo verde dove ragazzi menomati, amputati, rincorrono un pallone.
Si scambiano le loro emozioni , vivono la loro autentica passione per il calcio, ci prendono per mano e ci fanno ragionare e comprendere cose importanti.
Semplicemente con la loro serenità, la loro dolcezza ed il coraggio col quale affrontano la vita. Grazie Francesco, Lollo, Gianni, Hans.
Grazie a tutti gli sportivi della Nazionale Italiana Calcio Amputati.

‪#‎festivalnazionaleculturasportiva‬
#‎sportlegalità‬
‪#‎associazionerimbalzifuoricampo‬
‪#‎eventisportivicattolica‬
‪#‎estate2016‬
#diversabilità

 

Blog at WordPress.com.

Up ↑